che lavoro cerchi? dove?

giovedì 3 novembre 2016

Uomini, donne e lavoro. Il superiore? Meglio se maschio!


Uomini e donne nel mondo del lavoro. Da una parte la forma, la facciata e dall'altra la sostanza, la realtà dei fatti. In Italia l'attività professionale è ufficialmente gestita con un'equa presenza di maschi e femmine, ma alla fine dei conti gli uomini godono ancora di un trattamento privilegiato al momento della selezione per un posto o un avanzamento di carriera. E ben due lavoratori su tre (il 64% dei dipendenti) dichiarano di preferire un diretto superiore di genere maschile!



E' quanto emerge da Randstad Workmonitor, l'indagine sul mondo del lavoro di Randstad - secondo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane - condotta in 33 Paesi del mondo su un campione di 400 lavoratori di età compresa fra 18 e 65 anni per ogni nazione. "I risultati della ricerca - commenta Marco Ceresa, ad di Randstad Italia - evidenziano per l'Italia una sorta di asimmetria tra la sostanziale 'solidarietà' nei rapporti di lavoro orizzontali tra gregari, in cui appaiono ormai evidenti quasi a tutti i vantaggi della diversità di genere in azienda, e la visione più tradizionalista nelle relazioni gerarchiche, in cui il personale femminile sembra discriminato a vantaggio di quello maschile per l'avanzamento di carriera e per le posizioni di comando. Una situazione che deve vederci tutti impegnati per colmare le resistenze culturali che escludono ancora oggi il patrimonio di idee, esperienze e competenze della componente femminile, per favorire la parità di genere a tutti i livelli".

Secondo i risultati della ricerca, il 91% dei lavoratori italiani preferisce lavorare in contesti professionali caratterizzati dalla diversità di genere (contro l'87% della media mondiale) e l'89% ritiene che squadre eterogenee ottengano risultati migliori rispetto a team omogenei (contro il 68% della media globale). Numeri che mostrano come la diversità sia considerata un valore non più rinunciabile per la grande maggioranza degli italiani, soprattutto nei rapporti orizzontali fra colleghi allo stesso livello di carriera. Una sensibilità che si riscontra anche nella percezione del trattamento dall'azienda: l'82% pensa che le imprese italiane si comportino allo stesso modo con i dipendenti di generi diversi e l'81% dichiara che a parità di funzione corrisponda una parità di trattamento.

Ma, alla prova dei fatti, la situazione appare diversa. Un lavoratore italiano su tre (33%) crede che uomini e donne non abbiano le stesse possibilità di ottenere un lavoro o una promozione. E addirittura l'80% ritiene che, a parità di competenze, per un posto di lavoro vengano favoriti i candidati di genere maschile, mentre solo il 20% crede che il personale femminile riceva un trattamento privilegiato.


Leggi anche:

Nessun commento:

Posta un commento