che lavoro cerchi? dove?

mercoledì 26 ottobre 2016

I videogame per la ricerca e la selezione dei candidati


Altro che colloquio, curriculum e test o quiz rompicapo...Secondo voi è possibile selezionare i candidati facendoli giocare con i videogame? La risposta è affermativa, tanto che la startup fiorentina Laborplay ha messo a punto un sistema di selezione del personale basato sulle capacità delle persone a giocare con i videogiochi. Un sistema che consente di valutare il profilo del candidato in una fase di maggior relax, riducendo notevolmente anche i costi per l’azienda selezionatrice.



L'idea
Laborplay ha in pratica declinato le attività di gaming nell'ambito della valutazione, ricerca e selezione del personale utilizzando giochi comuni. In altri termini, ha mappato tutti i più comuni videogames, ne ha classificato le meccaniche di gioco e, attraverso algoritmi, ha creato un link tra queste meccaniche e le più comuni soft skills. Queste ultime, per chi non solo sapesse, sono le competenze trasversali , ovvero quelle capacità che raggruppano le qualità personali, l’atteggiamento in ambito lavorativo e le conoscenze nel campo delle relazioni interpersonali, ad esempio la leadership, l’efficacia relazionale, il teamwork, il problem solving.

Come funziona
Ecco nel concreto come funziona la fase ludico - selettiva. Il selezionatore stila una sorta di mappatura delle caratteristiche del candidato, inserendole nel sistema. I candidati da selezionare giocano al videogame scelto, poi si cimentano in altri giochi interattivi analogici. Il sistema incrocia i dati e stila la classifica dei candidati sulla base di un preciso algoritmo.
I profili dei candidati vengono così categorizzati in 17 profili, ciascuno dei quali è la risultante di 4 stili comportamentali principali:
- Poweres (riferito a forza, velocità e capacità di decisione)
- Leader (riferito al comunicare, motivare e capacità di influire sull’altro)
- Accurate (riferito a verifica, attenzione e capacità di analisi)
- Easy (riferito alla calma, all’introspezione e alla capacità di pensiero)

Date un'occhiata alle aziende che hanno già utilizzato il sistema...non male, vero?



L'azienda
Laborplay s.r.l. è stata costituita nel luglio del 2015 come start-up innovativa e da ottobre 2015 è stata approvata come Spin-off dell’Università degli Studi di Firenze e quindi inseriti nel percorso di crescita dell’Incubatore Universitario Fiorentino (IUF).

Per conoscere più da vicino questa novità basta un click sul link che segue per essere catapultati sul sito aziendale:
Laborplay, ricerca e selezione dei candidati con i videogame


LEGGI ANCHE: 

Nessun commento:

Posta un commento