che lavoro cerchi? dove?

sabato 29 ottobre 2016

Boom di laureati italiani disposti a fare i badanti


Salta un altro dei tanti stereotipi che caratterizzano il mercato del lavoro in Italia. Il riferimento è al luogo comune secondo il quale un badante debba essere per forza straniero (asiatico o dell'est Europa) e, soprattutto, donna. Ebbene, le cose, numeri alla mano non stanno affatto così.

Da uno studio realizzato dall'Associazione Donne & Qualità della vita, della psicologa Serenella Salomoni, su un campione di 1.000 disoccupati italiani, di età compresa tra i 18 e 57 anni, infatti, risulta che 1 italiano su 2 è pronto a intraprendere una carriera nell'assistenza familiare.


Il 70% del campione intervistato dichiara di sentirsi pronto a prendersi l'impegno di curare un'altra persona. Il 66% lo farebbe anche a tempo pieno, pur di lavorare. Ma il dato più eclatante è che il 37% dei partecipanti allo studio è laureato, e che non indietreggia rispetto a questo tipo di esperienza lavorativa. Vi è anche chi, come nel 33% dei casi, si mette a disposizione anche nella fascia oraria notturna, compresa tra le ore 21 e le 8; il 23% sacrificherebbe anche i fine settimana, pur di lavorare.

Ma quali sono le motivazioni che spingono a fare questa scelta? In primis le necessità economiche, per il 77%. Infatti, la retribuzione media di un badante per nove ore al giorno, sei giorni su sette, oscilla tra gli 800 e i 1.000 euro al mese. Una minoranza, invece, lo farebbe per «fare un'esperienza nuova» (22%), mentre il 10% «per uscire dalla routine». Il 22% non nasconde le proprie mire a lungo termine, vale a dire ottenere anche una piccola parte dell'eredità.

Analizzando i dati, Donne & Qualità della vita rivela che 15 intervistati su 100 sono convinti che, con l'invecchiamento progressivo della popolazione, si potrebbe fare di questo mestiere una professione. Teoria confermata anche dall'ultimo rapporto di Eurostat sugli anziani nell'Unione europea, secondo il quale in Italia si vive più a lungo: il nostro paese detiene la percentuale più alta di over 80, circa 4 milioni di persone.

E cosa spinge a scegliere un badante italiano rispetto a uno straniero? Tra i motivi, spiccano: un livello di cultura e informazione maggiore (33%); più capacità di intrattenere l'anziano (25%), una maggior conoscenza della città di residenza e dell'Italia in caso di spostamenti (13%), una minore marcatura delle differenze culturali (34%), una maggiore competenza nel tenere compagnia (17%).

Altro aspetto da non sottovalutare è che non tutti gli stranieri hanno la patente, mentre difficilmente un italiano ne è privo. Una curiosità: secondo la ricerca, gli italiani sono anche più informati sui programmi tv che vanno in onda e le novità del palinsesto.


LEGGI ANCHE:

  Ricerche e studi

Nessun commento:

Posta un commento