che lavoro cerchi? dove?

giovedì 3 dicembre 2015

LAVORO - CRESCE L'OTTIMISMO IN TUTTA EUROPA. GLI ITALIANI I PIU' PESSIMISTI

Dopo anni di depressione imperante, cresce l'ottimismo tra i lavoratori del Vecchio Continente! I dipendenti europei sembra si siano ripresi dalla crisi economica e ora stanno modificando la propria posizione su eventuali cambi lavorativi e sulla competizione internazionale. I meno ottimisti d'Europa? Noi italiani!





E' quanto emerge da una nuova ricerca presentata in occasione dell’evento 
HR Tech World Congress da ADP®, leader mondiale nelle soluzioni per la gestione delle Risorse Umane (Human Capital Management).
Lo studio, condotto su un campione di 11mila lavoratori adulti, mette in luce quel che i dipendenti di tutta Europa pensano circa il proprio futuro lavorativo, la competitività internazionale e la gestione dei talenti.

In sintesi
Il 77% dei dipendenti europei si dichiara ora ottimista circa il proprio futuro lavorativo. Le principali ragioni di questo ottimismo sono da ricercarsi nella crescente sicurezza del posto di lavoro (38%), nelle crescenti opportunità di carriera (27%) e nella possibilità di ottenere formazione e sviluppo delle competenze in modo adeguato per avere successo (27%). L’incertezza tuttavia è più forte nei Paesi che hanno risentito maggiormente della crisi economica: i dipendenti italiani sono i meno ottimisti nonché quelli più frequentemente convinti del fatto che il futuro non sia prevedibile (61%).

La crescita economica accelera la guerra per conquistare i talenti
Grazie alle condizioni economiche attuali, i dipendenti guardano con vivo interesse alle nuove opportunità di lavoro che si aprono. Oltre un terzo (34%) degli interpellati in tutta Europa prevede infatti di cambiare lavoro entro tre anni, con un picco in Svizzera dove il 16% programma di farlo entro un anno. I britannici sono quelli meno disposti a un futuro a lungo termine con il proprio datore di lavoro attuale, con solo il 17% che prevede di proseguire il resto della carriera nell’azienda in cui si trova ora. Di contro, il 40% dei dipendenti tedeschi è convinto di conservare il ruolo attuale fino alla fine della propria carriera.
Un mercato del lavoro in via di miglioramento significa tuttavia che le aziende devono pensare a come conservare il talento al proprio interno. Metà (51%) dei dipendenti, infatti, considera già preoccupante la mancanza di ingresso di nuovi talenti, mentre il 47% ritiene che questo gap sia causato da carenze nel recruiting.

La guerra per i talenti si estende oltre le frontiere
La perdita di talenti e competenze locali è ancora un problema per diversi Paesi. In Spagna (49%), Italia (47%) e Polonia (39%) si registra la maggior preoccupazione per la perdita di talenti a favore di altre nazioni. L’atteggiamento nei confronti dei talenti stranieri che arrivano sul mercato locale del lavoro è generalmente positiva, con il 79% dei dipendenti che afferma che i lavoratori in arrivo dall’estero non costituiscono una minaccia per le rispettive organizzazioni. I lavoratori svizzeri e britannici sono quelli più esitanti di fronte alla possibilità di ingresso degli stranieri nelle rispettive aziende, con il 36% e il 32% rispettivamente che considerano questa eventualità come un problema a fronte di una media europea del 21%.


LEGGI ANCHE: RICERCHE E STUDI SUL MERCATO DEL LAVORO

La competitività delle aziende
Gli alti livelli di ottimismo e la crescente mobilità dei talenti riflette anche l’aumentata competitività delle aziende. Esattamente metà dei dipendenti europei afferma che la propria azienda è preparata a competere internazionalmente a livello sia di business che di acquisizione dei talenti. Il Regno Unito si trova davanti a tutti nella capacità di competere sul mercato internazionale: qui 6 dipendenti su 10 sono convinti che la propria azienda sia ben preparata a competere su business e talenti contro gli altri Paesi.

Leon Vergnes, SVP/GM EMEA di ADP ES International, ha dichiarato: “È evidente come il miglioramento della stabilità economica europea stia influendo sull’atteggiamento dei dipendenti nei confronti del futuro lavorativo. Tuttavia, la guerra per conquistare i talenti e risolvere i gap di competenze rappresentano due grosse sfide per le aziende europee, che devono capire come fare per attirare i professionisti più capaci presenti sul mercato. Inserire persone provenienti da background differenti e incoraggiare lo spostamento internazionale dei talenti sono elementi essenziali per assicurare la competitività globale. Le aziende che si muoveranno efficacemente su questi due fronti, otterranno i vantaggi di una forza lavoro coinvolta, ottimista e impegnata”.

Virginia Magliulo, General Manager Adp Italia, ha commentato: “Finalmente stiamo assistendo ad una ripresa che si riflette positivamente su atteggiamenti e punti di vista delle Persone, con effetti di ricaduta su livelli occupazionali, salari e quindi coinvolgimento del personale. Noi siamo da sempre al fianco delle Persone e delle Aziende per promuovere una cultura del cambiamento fornendo soluzioni, tecnologie e approcci innovativi, che consentono una ottimizzazione e semplificazione dei processi HCM, con un focus privilegiato sulle nuove esigenze del mondo del lavoro”.


Per ulteriori informazioni è possibile leggere il report ‘The Workforce View in Europe’ cliccando sul link che segue:LAVORO - CRESCE L'OTTIMISMO IN TUTTA EUROPA. GLI ITALIANI I PIU' PESSIMISTI

Nessun commento:

Posta un commento