che lavoro cerchi? dove?

lunedì 30 novembre 2015

Furbetti licenziati ma poi reintegrati e risarciti; magistrati e nomine politiche; sentenze contraddittorie...Povera Patria!

E' giusto che un medico, assente dal posto di lavoro per malattia e sorpreso mentre canta un pezzo d'opera lirica in un programma Rai, venga licenziato dalla clinica dove lavoro per poi reintegrato e risarcito per volontà di un giudice? La legge è uguale per tutti?
E' possibile che i giudici di primo grado, quelli di secondo e la Cassazione possano sentenziare diversamente, se non all'opposto, su fattispecie assolutamente analoghe? Interpretazione, equità e giurisprudenza possono incidere a tal punto nella decisione di un organo giudicante? Quanto e come incidono queste dinamiche, unite alla lunghezza dei processi in Italia, quando l'oggetto del contendere riguarda la normativa del lavoro, in particolare il licenziamento e la giusta causa? Ha senso che il CSM, organo verticale della magistratura in Italia, gestisca e distribuisca nomine sulla base di mere valutazioni politiche? Tante domande alle quali ha cercato di dare delle risposte Claudia Di Pasquale, giornalista del programma d'inchiesta Report...

Basta un click che segue per vedere il video integrale della puntata "La Giusta Causa", andata in onda nella puntata del 29 Novembre 2015:
http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-1cbee959-3115-481f-866d-5be52b1a70a3.html


Nessun commento:

Posta un commento