che lavoro cerchi? dove?

mercoledì 1 aprile 2015

LAVORO&INTERNET - I consigli di Kelly Services Italia per gestire al meglio la propria immagine digitale


Tutti noi googliamo persone famose, aziende, ricette, video tutorial, ma googliamo anche persone che conosciamo ed incontriamo di persona. Nella maggior parte dei casi, lo facciamo per verificare la reputazione e l’esperienza di una determinata persona, o semplicemente per conoscerla un po’ meglio e scoprire qualcosa in più sulla sua personalità e sui suoi interessi.
Per queste ragioni e per altre ancora, è probabile che selezionatori e hiring manager vi googlino e che valutino, positivamente o negativamente le informazioni che reperiscono online. Ciò che hanno scoperto in questo modo ha, probabilmente, influenzato la loro decisione sul fatto di assumervi o meno e - ancor più probabilmente- anche il fatto stesso di chiamarvi a colloquio.





*Ricerca di Execu Ne t
 
Googlare i candidati: ma cosa cercano esattamente i recruiter?
Tra le altre cose, i recruiter, cercano:
- Prove del percorso professionale e dei progetti speciali realizzati, spesso per verificare i contenuto del curriculum;
- Attività nella vostra comunità locale, quali volontariato o altro di extra-lavorativo, che possa dimostrare il vostro carattere e i vostri interessi;
- Esempi di progetti creativi o di altre competenze che avete;
- Conferme del fatto che siete effettivamente chi dite di essere.

 
La guida di Kelly Services per superare con successo la “prova Google”.
Ci sono diversi modi per costruirvi una presenza online positiva:

- Assicuratevi di aggiungere al vostro profilo professionale o sito (se ne avete uno) il maggior numero possibile di dettagli. Avere un profilo LinkedIn chiaro, accessibile e professionale è il primo passo nella giusta direzione. Ricordate di mantenerli sempre aggiornati, come se fossero il vostro curriculum.
.- Pubblicate informazioni positive su di voi sul web: sarete sicuri che le informazioni alle quali tenete di più risultino ai primi posti in una ricerca online. Inoltre, questo farà scendere verso il basso nei risultati di ricerca i contenuti che non siete in grado di controllare, come per esempio informazioni negative legate al vostro nome e pubblicate da altri.
- Create un profilo LinkedIn e utilizzate lo strumento “gruppi” per stabilire connessioni e dare valore alla vostra presenza agli occhi di persone che operano nel settore o nell’area geografica alla quale puntate.
- Create un portfolio digitale, un blog o una pagina web che mostrino i vostri risultati e le vostre competenze.
- Prendete confidenza con siti di condivisione di conoscenza come SlideShare e contribuite alle discussioni o ai blog di settore .
- Seguite i webcast organizzati da aziende per le quali vi interesserebbe lavorare, seguitele   sui      social media e partecipate alle discussioni da loro lanciate ogni volta che lo ritenete opportuno .
- Siate visibili: immagini dei profili social nitide e professionali aiuteranno le persone a riconoscervi immediatamente, così come la vostra carica, la città in cui vivete, il percorso formativo e qualsiasi altra cosa che sia strettamente associata a voi .
- Controllate regolarmente le impostazioni sulla privacy sui vostri profili social, per esempio su Facebook. LinkedIn è un network professionale, per cui lì comportatevi come se foste al lavoro .
- Prendete in considerazione l’eventualità di utilizzare pseudonimi o account distinti per uso professionale e privato .
- Tenete traccia di ciò che postate online: potreste avere l’esigenza di cancellare vecchi post o profili, quindi è consigliabile avere sempre presente ciò che fate, in modo da sapere come e dove loggarvi per cancellare qualcosa in futuro.
 
E infine… cosa non fare
- Non postate commenti troppo negativi o dispregiativi su altre persone o precedenti datori di lavoro .
- La critica costruttiva va bene, ma inseritela sempre in un contesto positivo e siate pronti ad argomentare le vostre affermazioni, se vi viene richiesto .
- Non ingigantite le vostre competenze, esperienze o caratteristiche (fornite sempre le prove di ciò che dichiarate, se ne avete la possibilità).
 
Vuoi approfondire quest’argomento? Scarica l’e-book!
 
 
 

 






Nessun commento:

Posta un commento