che lavoro cerchi? dove?

giovedì 16 aprile 2015

CREAZIONE D'IMPRESA E SVILUPPO DELLE CAPACITA' IMPRENDITORIALI

Ecco una notizia rivolta a chi vuole fare impresa per costruirsi in autonomia il proprio futuro economico e professionale. La Fondazione Human+ ha da poco pubblicato la “Guida pratica all’ecosistema della creazione di impresa: i servizi e le risorse della Città metropolitana di Roma Capitale” che è parte del programma di  potenziamento imprenditoriale Steps Lazio.





Il programma consiste in un percorso di sviluppo delle competenze imprenditoriali rivolto a giovani disoccupati e inoccupati tra i 19 e i 32 anni in procinto di costituire un’impresa, focalizzato sul potenziamento delle competenze personali e dell’idea di business. Steps Lazio è parte di un progetto realizzato su scala nazionale che nel 2015 avrà luogo in altre 4 regioni italiane, coinvolgerà oltre 1000 giovani che potranno ottenere l’analisi del loro potenziale imprenditoriale e 200 giovani nei laboratori di empowerment. Il programma è realizzato grazie al sostegno di JPMorgan Chase Foundation.

Le tappe e gli obiettivi di Steps comprendono:
· Lo scouting di talenti imprenditoriali
· L’analisi del potenziale imprenditoriale attraverso un report completo del profilo di  ciascun giovane imprenditore
· Il laboratorio di formazione di potenziamento imprenditoriale del capitale umano e dell’idea di business
· Colloqui di mentoring con i giovani coinvolti per accompagnarli verso chi si occupa di creazione di impresa nell’area metropolitana di Roma (incubatori, servizi pubblici, finanziatori e professionisti)
· La creazione di un network di giovani tra coloro che frequentano le tappe di Steps Italian Tour

LA GUIDA PRATICA
La Guida, da oggi disponibile sul sito www.fondazionehumanplus.it e www.fhplus.org, si rivolge agli imprenditori e operatori dell’ecosistema della creazione di impresa e si propone di mettere in rete i servizi e le risorse disponibili sul territorio, dal momento che, come è stato dimostrato dalla ricerca – intervento sulla valutazione e sviluppo del potenziale dei neo-imprenditori svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino e il Dipartimento di Ingegneria gestionale e della produzione del Politecnico di Torino, il capitale sociale è uno dei fattori determinanti per avviare con successo un’impresa.

Uno dei fattori fondamentali per avviare con successo un’impresa – spiega Alberto Carpaneto, direttore della Fondazione Human Plus - è il buon uso del network sociale, ossia di quel patrimonio di relazioni sviluppate da un individuo durante la sua esperienza di vita e di lavoro, frutto di scambi di tipo privato, professionale ed istituzionale che caratterizzano il tessuto socio economico nel quale opera il potenziale imprenditore. “La Guida pratica all’ecosistema della creazione di impresa” è pensata per mettere a disposizione una “mappa” degli operatori e delle risorse disponibili nell’area metropolitana di Roma per tutti coloro che desiderano intraprendere questo percorso professionale e che operano all’interno dell’ecosistema”.

J.P. Morgan è orgogliosa di sostenere il programma di potenziamento imprenditoriale realizzato da Fondazione Human+ che, coniugando solide evidenze scientifiche e modalità innovative, si propone di valorizzare l’enorme potenziale imprenditoriale delle nuove generazioni in Italia, contribuendo alla creazione di nuove imprese e incidendo positivamente sulla crescita economica del nostro Paese” dicono Camillo Greco e Guido Nola, co-senior country officers per J.P. Morgan in Italia.

Incidere sulle problematiche della disoccupazione giovanile - dichiara Claudio Panella, amministratore delegato di Capitale Lavoro S.p.A. - è per noi una priorità. Strumenti come la “Guida pratica dei servizi e delle risorse per mettersi in proprio” e programmi come Steps per potenziare e sviluppare le proprie capacità personali, ma anche le competenze legate all’effettiva realizzazione di un’idea di business, permettono di offrire ai cittadini servizi concreti, di vero sostegno e funzionali a creare una rete per entrare veramente nel mondo del lavoro.”

In merito alla struttura del progetto Steps la responsabile di i-Lab Luiss, Chiara Lo Cascio precisa “le imprese sono persone: la risorsa più importante in assoluto per una startup, ma anche per un’impresa, è rappresentata proprio dagli individui che ne fanno parte. Business Angel, Acceleratori e Venture Capital lo hanno capito già da tempo ed è per questo motivo che investono sempre e comunque sul team più che sull’idea d’impresa in sé. Per esperienza, mettere insieme il giusto team è forse la sfida più difficile da superare per gli studenti che hanno intenzione di avviare una startup e la ricerca scientifica sembrerebbe rimasta un po’ indietro sullo studio di quali siano le caratteristiche demografiche e psicologiche proprie degli individui che riescono a creare imprese di successo. La risorsa più importante dell’impresa resta quindi ancora da analizzare e studiare e il progetto STEPS vuole colmare proprio questa grande lacuna”.

Per tutte le Università, e non solo quelle italiane, investire sulla imprenditorialità, facendo riferimento alle linee guida europee dell’Entrepreneurial University, è ormai una priorità - sostiene il professor Carlo Alberto Pratesi del Dipartimento degli Studi aziendali di Roma Tre. Da oggi, infatti, le Università, oltre a didattica e ricerca, sono chiamate a produrre reale sviluppo economico, anche favorendo tra gli studenti e i ricercatori un sano spirito imprenditoriale. Ma l’imprenditoria, per diventare materia di studio, richiede strumenti differenti da quelli classici, strumenti che posso nascere solo grazie a nuove partnership con altre realtà. L’obiettivo di fondo è fare in modo che competenze accademiche possano fondersi con contributi esterni per dare nuovi input agli studenti e trasferire loro nuove  motivazioni".

LEGGI ANCHE:
DIVENTARE IMPRENDITORE E FARE IMPRESA
PROGETTI E INIZIATIVE PER IL LAVORO E L'IMPRESA




Nessun commento:

Posta un commento