che lavoro cerchi? dove?

mercoledì 30 luglio 2014

QUALE FACOLTA' SCEGLIERE? LE LAUREE CHE FANNO TROVARE LAVORO.....

Quale facoltà scegliere? Quali sono, al momento, le lauree sulle quali puntare per trovare lavoro più facilmente? Se è vero che le risposte a queste domande non sono semplici è altrettanto vero che ci sono strumenti e ricerche che consentono di farsi un'idea basandosi su dati oggettivi.





Un esempio? Il XVI Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati, una ricerca che ha coinvolto quasi 450mila laureati post - riforma di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio. La partecipazione degli intervistati è stata molto elevata: i tassi di risposta hanno raggiunto l’86% per l’indagine ad un anno, l’80% per quella a tre e il 75% a cinque anni.

Prima di addentrarci nella "classifica" delle lauree più redditizie in termini occupazionali, in altri termini le più richieste, è importante sottolineare un aspetto molto importante: nell’arco della vita lavorativa, la laurea continua a rappresentare un forte investimento contro la disoccupazione, anche se meno efficace in Italia rispetto ad altri paesi. I laureati godono di vantaggi occupazionali rispetto ai diplomati sia nell’arco della vita lavorativa sia e ancor più, nelle fasi congiunturali negative come quella che stiamo vivendo.

Venendo ora a quelle che sono le facoltà che offrono maggiori opportunità di impiego, la prima posizione è occupata da Odontoiatria: ben il 97,4 per cento dei dentisti a cinque anni dalla laurea ha un’occupazione, con una retribuzione media tra le più elevate: 1.976 euro mensili. I laureati in Medicina, invece, dopo cinque anni dal conseguimento del titolo, hanno una retribuzione media di 1.740 euro.
Livelli da record anche per la laurea in Scienze infermieristiche, dove l'occupazione dei laureati a 5 anni dalla laurea si arriva al 97,4 per cento.
Naturalmente nella classifica delle lauree che fanno trovare lavoro non poteva mancare ingegneria: in media gli ingegneri guadagnano 1.676 euro, con un tasso di occupazione pari al 91,8 per cento. Particolarmente richiesti i laureati in ingegneria meccanica (94,3 per cento di occupati, poco meno di 1.800 euro il guadagno medio), seguita da quella informatica (93,7 per cento, 1.665 euro) e quella biomedica.
Ottimi risultati anche per i laureati in informatica, con un tasso di occupazione del 92 per cento e un guadagno medio di 1.559 euro.
Non male nemmeno per le lauree in discipline economiche: qui il tasso di occupazione a cinque anni dalla laurea è pari al 91,7 per cento, mentre la retribuzione media è pari a 1.512 euro al mese.
A quota 88,4 per cento di occupati i laureati in architettura, all'87,6 per cento gli interpreti laureati, all'84 per cento i lavoratori con una laurea in ambito agrario.
Numeri in calo per i laureati in giurisprudenza: a cinque anni dalla laurea il tasso di occupazione è del 76,7 per cento con una remunerazione media di 1.217 euro al mese. Dati anche peggiori per i laureati in lettere (67,9 per cento) e per altre lauree umanistiche.

Per ulteriori informazioni sull'argomento cliccare sul seguente link:
QUALE FACOLTA' SCEGLIERE? LE LAUREE CHE FANNO TROVARE LAVORO.....





Nessun commento:

Posta un commento