che lavoro cerchi? dove?

martedì 8 luglio 2014

"LAVORI INGIUSTI", SAVE THE CHILDREN STUDIA IL LAVORO MINORILE IN ITALIA


A proposito di lavoro minorile in Italia...(sì, avete letto bene!). Sono almeno 260mila i minori tra 7 e 15 anni coinvolti in lavoro minorile nel nostro paese, in pratica 1 su 20! Non solo, una larga parte dei minori che al momento sta scontando una condanna penale, ha alle spalle mesi o anni di lavoro svolto sotto i 16 anni. Una quota significativa di essi ha lavorato addirittura a 11-12 anni e in condizioni di grave sfruttamento e pericolo, per tante ore di seguito e di notte, fuori della cerchia familiare. Ristorazione, vendita, edilizia, agricoltura e allevamento, meccanica alcuni dei principali settori di impiego di questi giovanissimi.





Sono alcuni dei dati preliminari di "Lavori Ingiusti”, una indagine sul lavoro minorile e il circuito della giustizia penale, realizzata da Save the Children, l’organizzazione internazionale indipendente dedicata dal 1919 a salvare i bambini e a promuovere i loro diritti, in collaborazione e con il finanziamento del Ministero della Giustizia - Dipartimento per la Giustizia Minorile.
L’indagine di Save the Children ha per la prima volta interpellato sul lavoro minorile la totalità dei ragazzi e ragazze che si trovano negli Istituti Penitenziari Minorili (IPM), nelle Comunità di Accoglienza Penale (CPA) e nelle Comunità Ministeriali oltre a un significativo numero di ragazzi in carico all’Ufficio di servizio sociale Minorile (USSM) 2.

Le risposte dei ragazzi descrivono esperienze e contesti di diffusa a-legalità, dove si è contratta l’idea di uguaglianza e dove si soffrono le discriminazioni non legate alle qualità personali. Molto frequente poi e forte è la relazione tra la dispersione scolastica e il lavoro precoce o ancora le connessioni tra la dispersione scolastica e la scelta di commettere atti illeciti. E’ cruciale intervenire per spezzare questo circolo vizioso e garantire percorsi lavorativi positivi, grazie ai quali i ragazzi possano trovare adeguata realizzazione economica e sociale.

Secondo la nuova indagine di Save the Children si attesta al 66% la quota dei minori del circuito della giustizia minorile che ha svolto attività lavorative prima dei 16 anni.
Nel 73% dei casi sono giovani italiani mentre il 27% è costituito per lo più da ragazzi di origine straniera (in genere della Romania, Albania, Africa del nord).
Più del 60% degli intervistati ha svolto attività di lavoro tra i 14 e i 15 anni. Tuttavia, oltre il 40% ha avuto esperienze lavorative al di sotto dei 13 anni e circa l’11% ha svolto delle attività persino prima degli 11 anni.
Nel 66% dei casi i minori hanno lavorato da giovanissimi per fare fronte alle proprie spese personali, tuttavia più del 40% ha affermato di avere lavorato anche per aiutare la propria famiglia.
Ben il 60% dichiara di aver lavorato per altre persone mentre solo il 21% ha lavorato per i propri genitori e il 18% per dei familiari.

La ristorazione (21%) - bar, ristoranti, alberghi, pasticcerie, panifici -, la vendita ( 17%) - negozi, mercati generali, vendita ambulante -, il lavoro in cantiere (11%) – come manovali, imbianchini, carpentieri -, il lavoro in campagna (10%) - nella coltivazione e raccolta e nell’allevamento e maneggio degli animali, sono le principali attività lavorative svolte dai ragazzi intervistati.
Seguono, poi, tutti i lavori presso le officine meccaniche e i distributori di benzina (9%), le attività artigianali (5%), il lavoro in fabbrica (3%), le consegne a domicilio (2%) e solo una percentuale residuale svolge le proprie attività lavorative in casa per aiutare la famiglia nel proprio lavoro o nella cura di fratelli più piccoli o parenti in difficoltà.
Il 71% dei ragazzi dichiara di aver lavorato quasi tutti i giorni – dunque in modo continuativo e  il 43% per più di 7 ore di seguito al giorno; il 52% ha lavorato di sera o di notte.

La ricerca delinea uno scenario a dir poco inquietante e che avvicina l'Italia, uno dei principali player economici del pianeta, a Paesi in cui il lavoro minorile rappresenta una scioccante normalità!

Per approfondire l'argomento leggendo nei dettagli i numeri della ricerca basta cliccare sul link che segue:
RICERCHE E STUDI: "LAVORI INGIUSTI", SAVE THE CHILDREN STUDIA IL LAVORO MINORILE IN ITALIA 




Nessun commento:

Posta un commento