che lavoro cerchi? dove?

martedì 10 dicembre 2013

SOCIAL NETWORK E LAVORO, I CONSIGLI DI FORBES

I social network sono ormai parte integrante della vita di centiniaia di milioni di persone nel mondo. Miliardi di condivisioni, commenti, immagini, profili e informazioni pubblicate quotidianamente e consultabili online, anche da aziende in procinto di assumere e da selezionatori a caccia di candidati. Quindi, massima attenzione a quella che è la vostra "vita social".

Facebook, Google+, LinkedIn e Twitter (solo per citarne alcuni) possono quindi essere un’arma a doppio taglio, tanto che il sito di Forbes, ha pubblicato un articolo riguardante gli errori più comuni e più compromettenti agli occhi dei cacciatori di teste. Ecco quali sono le sette dritte da seguire:

1) Massima discrezione. Evitare immagini e frasi inappropriate, commenti politici e razziali.
2) Controllare ed eliminare periodicamente foto e commenti non in linea con l'immagine che volete trasmettere.
3) Un account su LinkedIn è fondamentale, il primo passo per poter essere apprezzati dalle aziende.
4) Non condividere, pubblicare e commentare troppo: una presenza assidua potrebbe far pensare a un uso eccessivo dei social, anche negli orari di lavoro!
5) Se operate in settori o attività particolari, sarebbe opportuno avere un blog o un sito professionale, linkato anche nei vostri profili social.
6) Tenere in considerazione un aspetto che molte persone sottovalutano: i social network non funzionano a senso unico ma si possono utilizzare anche per conoscere e contattare potenziali imprese, datori di lavoro e selezionatori del personale.
7) Non essere troppo modesti e "impostati". Cercate di dare un'immagine che sia al contempo dinamica e sobria, quella di una persona capace di intrattenere e coltivare contatti e di valore con aziende, amici e colleghi.

Certo, seguire certi consigli ed evitare certi errori non basta per essere scelti dalle aziende, ma puo' sicuramente aiutare, non c'è dubbio!

Ecco il link diretto al sito di Forbes

Nessun commento:

Posta un commento