che lavoro cerchi? dove?

lunedì 24 giugno 2013

CESPIM, SERVIZI E OPPORTUNITA’ PER LAVORARE ALL’ESTERO


Secondo Eurostat sono oltre seicentomila gli italiani che attualmente si trovano all'estero per lavorare. Un esercito in perenne e costante aumento, soprattutto in una fase economica come quella attuale dove le opportunità di impiego e le prospettive professionali nel Bel Paese lasciano il tempo che trovano.

Recenti indagini certificano che quasi l'80% dei giovani italiani ritiene che l'unica possibilità per fare carriera sia quella andare a cercare fortuna oltreconfine: otto talenti su dieci, senza pensarci troppo e a volte senza nessuna conoscenza, pensano al proprio futuro lontano dal contesto in cui sono cresciuti e in cui vivono!

……CESPIM
Su questo quadro di fondo si inseriscono e assumono una certa rilevanza le attività, i servizi e i progetti proposti da Cespim dal 1978, società di formazione, di ricerca, di selezione e di consulenza nel settore delle risorse umane con sede a Modena (Italia) Monaco di Baviera (Germania) Galway (Irlanda). Una delle prime realtà a comprendere quanto sia necessario supportare questo nuovo fenomeno migratorio verso l'estero con attività di orientamento, di informazione e di contatto per aiutare i candidati a collocarsi e a inserirsi al meglio.

L'INTERVISTA
Per chi fosse interessato ad approfondire l'argomento, abbiamo rivolto qualche domanda a Osvaldo Gorini, amministratore dello Studio Cespim...

Dopo tanti anni di attività nel settore ben 35, come giudica l'attuale situazione del mercato del lavoro in Italia?
Fortemente in cambiamento e con opportunità di lavoro sempre più professionalizzate. Mettersi in gioco, è un elemento decisivo per trovare opportunità unito ad una costante formazione. La conoscenza dell’inglese, l’uso di tecniche gestionali avanzate, l’abitudine a viaggiare, il saper resistere alle sirene delle proprie radici, il coraggio di sempre nuove sfide impediscono a chi  cerca lavoro di non aver paura. Oggi stiamo cercando persone disposte a risiedere negli Stati Uniti, in Far East, in paesi anche scomodi e con una formata formazione universitaria.
La Germania ad esempio fa un piano di 4.000 inserimenti dall’estero per cui come dice Papa Francesco “non lasciatevi rubare la speranza”

Questa nuova ondata migratoria verso l'estero, nel lungo periodo, non rischia di impoverire il Paese in termini d risorse e talenti?
No. Come ho detto a Radio Colonia il 18 giugno bisogna avere il coraggio di formarsi e aver voglia anche di riattivare e aumentare la “International Mobility”. Muoversi! Muoversi! Preparare il futuro con la conoscenza.!!

Quali iniziative, servizi e collaborazioni caratterizzano l'attività di Cespim, in particolare per i candidati che vogliono tentare la "carta estera"?
Per i paesi europei ed in particolare con la Germania abbiamo attivato servizi di presentazione in lingua direttamente alle agenzie della Germania stessa.  Dialogare in lingua e dal paese stesso sono aspetti fondamentali per essere accettati. Con skype (cespim_hr) abbiamo attivato due servizi: il primo per farsi conoscere ora e dopo aver trovato all’estero, il secondo servizio per assistere i candidati all’estero per ogni aspetto: nuova occupazione, conteggi, piani retributivi e verifiche dei contratti di assunzione. Inoltre per i paesi di espressione inglese abbiamo attivato un servizio a Galway in collaborazione con Atlantic Language School per l’apprendimento della lingua e l’orientamento a quei mercati.

Qualche dritta o qualche consiglio utile per chi è convinto che in Italia sia pressoché impossibile giocarsi le proprie carte....Non avere paura e cercare nei siti aziendali le motivazioni per essere ascoltati.
Accettare contratti anche di apprendistato, di inserimento o di ingresso purchè ci sia un piano di lavoro molto chiaro. Abituarsi a cercare le opportunità senza deprimersi. Questo di sicuro è un momento interessante per il lavoro!!

Per conoscere nei dettagli i servizi, le attività e le iniziative di Cespim basta cliccare il link che segue:
CESPIM, SERVIZI E OPPORTUNITA’ PER LAVORARE ALL’ESTERO

Nessun commento:

Posta un commento