che lavoro cerchi? dove?

mercoledì 20 febbraio 2013

IL PUNTO SULLA LEGGE FORNERO

Per poter fare il punto della situazione sugli effetti prodotti dalla Legge Fornero, abbiamo cercato e selezionato per i nostri lettori alcuni articoli pubblicati negli ultime settimane su alcuni siti e blog di informazione economica. Ebbene, i dati e le valutazioni che ne conseguono non sembrano essere particolarmente positive.

Troppa rigidità in entrata (per le nuove assunzioni) e poca flessibilità in uscita (licenziamenti), aumento dei costi legati a contratti con il nuovo apprendistato e il tempo determinato, sgravi fiscali per l'assunzione di particolari categorie (vedi le donne) non ancora effettivi per mancanza dei decreti attuativi, coinvolgimento delle aziende nella creazione di fondi di solidarietà e nel finanziamento delle nuove indennità di disoccupazione. Sono solo alcune delle criticità che sembrano emergere nell'applicazione concreta della normativa. Ovviamente è necessario fare la tara delle opinioni e delle appartenenze politiche, anche se i dati e i numeri parlano: il tasso di disoccupazione continua a salire e le nuove assunzioni sembrano essere frenate dal peso economico, burocratico e normativo imposto anche dalla Riforma del mercato del lavoro. La speranza, speriamo non vana, è che entro il 2013 le forze politiche riescano a dare un nuovo assetto al sistema attuale, per il bene del Paese e dei lavoratori (o aspiranti tali!).

Non ci resta che augurarvi una buona lettura e invitarvi a esprimere le vostre considerazioni in merito!

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-02-15/cosi-legge-fornero-frena-063721.shtml?uuid=AbRzjcUH

http://www.pmi.it/economia/lavoro/news/62457/lavoro-le-misure-fornero-che-penalizzano-loccupazione.html

http://www.tempi.it/fatta-la-legge-fornero-bisogna-fare-il-lavoro

http://www.amicimarcobiagi.com/marcobiagi/consulenti-del-lavoro-legge-fornero-non-aiuta-loccupazione-ripresa-delle-assunzioni-ostacolata-da-eccessiva-burocrazia/

http://www.consulentidellavoro.it/browse.php?mod=article&opt=view&id=12316

http://www.linkiesta.it/riforma-fornero-esperti

http://www.direttanews.it/2013/02/15/ocse-la-riforma-fornero-sul-lavoro-non-va-bene/

1 commento:

  1. In realtà se considerassimo il numero di giovani e non giovani che vengono coinvolti nell' "industria del precariato", non ci stupiremmo di trovare indici di disoccupazione in Italia ben superiori a quelli paventati da almeno mezzo decennio e sicuramente molto vicini ai valori di Spagna e Grecia.

    L' "industria del precariato" di cui per esempio la Fornero è emblema per la sua vicinanza a INA Assitalia è quel mercato formato da persone che lavorano come schiavi a cottimo per multilevel o forme simili impiego dove è evidente l'esistenza di un rapporto di lavoro continuativo e stabile (lavoro per una sola società, uffici e orari di lavoro), ma la forma di lavoro è del tutto libera dalle minime garanzie lavorative, scaricando tra l'altro in questo modo l'onere di stima del flusso di vendite sul lavoratore anzichè sull'impresa.
    Ne sono esempi schietti le agenzie immobiliari, le associazioni di direttori di agenzie immobiliari che difedono l'esistenza delle false partite iva, le multilevel, le società come Ina assitalia, vicina alla Fornero.
    Io ho descritto il mio parere sul lavoro di agente immobiliare qui:
    http://ing-gg.blogspot.it/2013/01/ce-un-fondamentale-paradosso-nel.html
    Mi piacerebbe avere una vostra opinione.

    Un esempio pratico con Ina assitalia:
    http://www.unita.it/italia/tra-i-dannati-delle-polizze-br-cosi-l-ina-sfrutta-i-precari-1.469009
    (devo dire che sperimentando sulla mia pelle questi casi inizio a fregarmene altamente degli schieramenti politici destra, sinistra e centro + relativi gornali schierati...mi baso sui fatti)

    Saluti

    RispondiElimina