che lavoro cerchi? dove?

mercoledì 13 febbraio 2013

COLLOQUI DI LAVORO: QUANTO DURANO E QUANTI CE NE VOGLIONO....

Il processo di ricerca e selezione di un candidato da parte di un'azienda può essere piuttosto articolato. Si parte dalla pubblicazione di una determinata ricerca su siti internet e organi di stampa, si ricevono e si "filtrano" i curriculum, si contattano i candidati ritenuti potenzialmente in linea con la posizione da coprire e si arriva alla tanto temuta e famigerata fase dei colloqui. Vi siete mai chiesti quanto dura il primo colloquio di lavoro? Oppure, sapete dopo quanti colloqui i selezionatori sono mediamente in grado di stabilire se un candidato è ok per una determinata posizione?

La società di selezione Robert Half, sempre attenta e sensibile alle tematiche legate al mondo del lavoro, se lo è chiesto e ha pensato bene di intervistare ben 100 responsabili delle risorse umane di imprese italiane.

La prima domanda che è stata posta riguarda il tempo medio che dedicano a questo incontro determinante con i candidati. I risultati? Il 49% degli intervistati ha dichiarato di dedicare meno di 30 minuti al primo colloquio! Un altro 49% ha invece un approccio meno sbrigativo e preferisce dedicafino a 60 minuti ai candidati che incontrano per la prima volta. Solo un misero 2% dei selezionatori spazia dai 61 ai 90 minuti!

Con il secondo quesito si è chiesto dopo quanti colloqui i responsabili delle risorse umane decidono se un candidato è idoneo al ruolo. Il 52% degli intervistati dichiara di prendere la decisione con 1 o 2 interviste, tra questi il 9% subito dopo il primo colloquio.  Il 35% necessita di 3 incontri, mentre il 10% dei selezionatori ha dichiarato di farne dai 5 in su!

"Qualsiasi sia la durata del colloquio, è importante che il candidato mantenga la concentrazione e continui a mostrare interesse dall’inizio alla fine dell’intervista" spiega Carlo Caporale, Associate Director di Robert Half. "Spesso, i selezionatori/recruiter esperti non hanno bisogno di molto tempo per valutare il candidato e verificare se le sue competenze sono in linea con i requisiti della posizione vacante. Per questo è importante seguire il ritmo dell’intervistatore, mantenere la discussione incentrata sulle informazioni professionali e far emergere i risultati raggiunti nel corso del proprio percorso di carriera. In realtà, noi riscontriamo che il processo di  selezione si sia molto allungato con la moltiplicazione degli interlocutori aziendali e quindi del numero di colloqui che un candidato deve sostenere prima di ricevere un’offerta” prosegue Caporale “...le imprese vogliono essere sicure di portare a bordo professionisti altamente qualificati e allineati con l’identità e la cultura aziendali.”

Per leggere nel dettaglio i numeri della ricerca cliccare sul link che segue:
COLLOQUI DI LAVORO: QUANTO DURANO E QUANTI CE NE VOGLIONO....

Altre notizie simili? Cliccate su quest'altro link:
STUDI E RICERCHE SUL MERCATO DEL LAVORO IN ITALIA

Nessun commento:

Posta un commento