che lavoro cerchi? dove?

martedì 27 novembre 2012

LE FIGURE PROFESSIONALI PIU' RICERCATE IN ITALIA


Progettisti di sistemi informatici, revisori contabili, progettisti meccanici, analisti programmatori, programmatori informatici, infermieri, addetti all'amministrazione, farmacisti, sviluppatori software e progettisti elettronici. Sono queste le figure professionali più ricercate e meno rintracciabili nel mercato del lavoro italiano, tanto che le aziende a caccia di candidati rimangono molto spesso a bocca asciutta!

A dirlo è il report annuale del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro, secondo il quale si assiste a un vero e proprio paradosso: a fronte di un esercito di disoccupati a caccia di un impiego ci sono sono migliaia di aziende che il candidato ideale non lo trovano!
Un esempio? Nel settore informatico, quando una società cerca un esperto di sistemi informativi, nell'84% dei casi domanda e offerta non si incontrano! Percentuali altissime si registrano anche per altre figure IT, amministrative e sanitarie, praticamente introvabili, sempre sulla base dei dati emersi dalla ricerca.
Il motivo di questo fenomeno si deve soprattutto alla carenza qualitativa dei candidati, troppo spesso carenti di formazione, esperienza e capacità di adattarsi alle mutevoli esigenze del mercato.
Un altro dato che lascia a dir poco perplessi? Nonostante le difficoltà occupazionali del 2012, gli introvabili sono a quota 65mila!

In sintesi: la crisi c'è e su questo non ci piove, ma i suoi effetti potrebbero essere "calmierati" da un sistema di orientamento - scuola - formazione - lavoro più coeso, logico ed efficiente.
Tu cosa ne pensi?

Per leggere il testo integrale dell'indagine clicca sul link che segue:
LE FIGURE PROFESSIONALI PIU' RICERCATE IN ITALIA

6 commenti:

  1. Il sottoscritto ha 46 anni ed ha ripetutamente mandato curriculum per una delle figure professionali qui indicate... e non gli è mai stato risposto.
    io sono uno di quelli che vorrebbe lavorare, ma evidntemente NON vogliono farmi lavorare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non è detto che chi cerca candidati sia in grado di sfruttare tutti gli strumenti per trovarli. Non solo, la valutazione delle candidature puo' anche essere un'attività complessa e composita, incentrata su diversi aspetti, non solo professionali.
      Comunque se la tua è una delle professionalità piu' richieste dal mercato, non demordere! Possono volerci centinaia di tentativi per ricevere anche una semplice risposta!

      Elimina
  2. Le figure più ricercate in Italia. Ingegneri: fino a qualche tempo fa proposte di lavoro a tempo determinato, progetto, collaborazione stile falsa partita iva (cioè tempo pieno come dipendente, ma nessuna garanzia e contributi al minimo con falsa fatturazione), e/o stage continui.In meno di un anno, dalla devastante distruzione del settore economico con il liberismo delle imprese e bancario che ha portato imprese all'estero e capitali in Subprime che ipoteticamente rendevano il 10% abbiamo invece 2-4 richieste di ing.meccanico al mese (vi possono partecipare migliaia di persone fra periti meccanici ed ingegneri meccanici o geometri) e qualche richiesta di ing- gestionale-elettrico ogni mese (anche qui peccato che i laureati ogni semestre siano molti di più).

    Gli ingegneri civili, come me invece non trovano niente. Quindi che faccio? io ho cominciato a mandare curriculum anche per lavori umili, a chiedere alla Consob se posso iscrivermi a più albi professionali (es: promotori finanziari ed ingegneri), perchè il mestiere dell'ingegnere civile consta pure di costi abnormi che altri laureati non hanno: formazione continua (dai 60 euro di aggiornamento con corsi del Comune ai 900 euro per un corso casa clima o 4000 euro per un corso Confindustria di management!!!), spese programmi (1600 una licenza autocad, 2000 euro una licenza FEM, 700-1000 euro un upgrade ed in futuro pure spese per verificare la correttezza di calcolo dei programmi FEM NTC2012 in fase di discussione), costi per albo, assicurazione, e cartoleria varia, commercialista (500-1000 euro in regime dei minimi)...

    Ed i Comuni non fanno niente per controllare se imprese fantasma applicano progetti e titoli abilitativi per le ristrutturazioni, col risultato che un'impresa mista italiani-albanesi può arrivare a guadagnare anche 15 mila euro al mese senza pagare contributi, senza sostenere gli studi di progettazione corretti o le imprese oneste o senza versare le corrette tasse, truffando spesso i clienti (tra l'altro evadendo pure la possibilità di detrarre al 36-50% il lavoro nell'IRPEF).

    Viviamo in un paese di merda allo scatafascio.

    RispondiElimina
  3. Ciao THE Q., se ha volgia di raccontare la tua testimonianza, saremo lieti di pubblicarla nel nostro blog. Un modo come un'altro per confrontarsi e, chissà mai, trovare anche qualche soluzione!
    Puoi scriverci a blog@helplavoro.it

    LA REDAZIONE

    RispondiElimina
  4. Vi ringrazio per la proposta, ma al momento credo sia più sicuro per me rimanere nell'anonimato con un username blogger fittizio.

    Ne avrei da dire... potrei citare anche esempi di professori universitari che svolgono doppia attività portando avanti loro studi professionali o utilizzando gli studenti per progetti commissionati da studi di progettazione (etrambe attività proibite).
    Od esempi di professori che offrono lavori a neolaureati se si paga loro un tot di commissione (non regolamentato).
    Tutto sommato l'aver legato i fondi che ogni università riceve alle pubblicazioni/merito del personale docente ha già creato i giusti dissidi nei dipartimenti fra chi fa ricerca per l'Università e chi sfrutta l'Università per i suoi scopi.

    Invece una realtà lavorativa che colpisce diplomati/laureati a più ampio spettro è quella delle società multilevel.

    Sarebbe utile spiegare bene cosa sia una società multilevel, come funziona, quando è illegale e che guadagno mensile si può avere partecipando ad un tale schema (anche semplici considerazioni di flusso di cassa minimo da reinvestire nell'attività).
    Nel web ci sono molti "passaparola" fra internauti relativi anche a "marchi" famosi.

    Nella maggior parte dei casi chi inizia con una multilevel perde da uno a tre anni inseguendo un lavoro da regime dei superminimi con costi maggiori dei ricavi pur avendo riduzioni d'imposta notevoli.

    Apprezzo i tentativi del governo di regolamentare gli stage introducendo una paga fissa, seppur minima.

    Sto apprezzando sempre più il vostro blog, quasi ineguagliato da altre agenzie per l'impiego e facile da seguire con i feed atom di blogger.

    Informazione veloce è potere...

    RispondiElimina